ID password perso la password?

NEWS:

 

MAGAZZINI VISCONTEI OSPITA REPLICA - LOGISTICA INTEGRATA23 settembre 2016

 

MGV OSPITA REPLICA SISTEMI - EVENTO 19 OTTOBRE 2016

La logistica integrata con SMA.I.L:)

Visita ai Magazzini Generali Viscontei di Vigevano Spa

Mercoledì 19 ottobre 2016

Specializzata nella logistica conto terzi e nella gestione delle operazioni doganali,  Magazzini Generali Viscontei di Vigevano Spa utilizza StockSystemEvolution, il WMS della suite SMA.I.L:),  per organizzare le attività di ricevimento, stoccaggio, prelievo, confezionamento e spedizione di numerose referenze.

La gestione unificata e centralizzata di differenti tipologie di magazzini, l’ottimizzazione dei flussi logistici di merci con differenti specifiche, sono alcune delle caratteristiche che contraddistinguono i  20.000 mq  della piattaforma di Vigevano.

Il recupero di produttività, la riduzione degli errori, l’aumento della qualità del servizio ai clientisono alcuni dei vantaggi ottenuti con l’utilizzo del WMS.

StockSystemEvolution è inoltre integrato ad una bilancia Retel che rileva automaticamente peso e volume di ogni nuovo articolo e del suo collo. Scattando una foto all'articolo, Magazzini Generali Viscontei di Vigevano Spa invia al cliente l'anagrafica completa di ogni nuova referenza che automaticamente può essere caricata sul sito web di e-commerce del cliente.

Agenda

 14.30

Registrazione partecipanti e Welcome Coffee

15.00

Magazzini Generali Viscontei di Vigevano Spa: logistica integrata a 360°

PAOLO FERRARI replica panerai watches uk
General Manager Magazzini Generali Viscontei

15.30

SMA.I.L:) - SMART INTEGRATED LOGISTICS
per una logistica integrata e più efficiente

IVAN NOVELLINI

Senior Account Manager Replica Sistemi

16.00

Visita ai Magazzini
fake franck muller uk


Per la scheda dell’evento vai al sito www.replica.it

 

http://www.replica.it/it/eventi/visita-ai-magazzini-generali-viscontei-la-logistica-integrata-con-sma-i-l-/

 

 

NORMATIVA SOLAS01 luglio 2016

 

A partire dal 1° Luglio 2016 entra in vigore la nuova regolamentazione SOLAS – Safety of Life at Sea - una Convenzione introdotta dall’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) al fine di garantire la sicurezza della navigazione mercantile e tutelare la salvaguardia della vita in mare. La normativa rende obbligatoria la verifica del peso della massa lorda (VGM – Verified Gross mass) come requisito per l’accettazione del container all’imbarco.

Gentile Cliente / Spett.le Azienda

Magazzini Generali Viscontei S.p.A. si è attivato sul fronte delle disposizioni SOLAS per assistere le aziende anche per questa nuova incombenza

Come noto, MGV può supportare il cliente sia nella gestione completa della spedizione (mare/aereo/terra) in qualità di Spedizioniere, sia come Operatore Doganale per le corrette pratiche Export, rispettando peraltro le linee guida sempre più incalzanti di una resa FCA, o semplicemente per il solo servizio di pesatura grazie alla pesacertificata presente nei propri Magazzini.

Per i Clienti MGV che effettuano già operazioni doganali o spedizioni ALL-IN il servizio di pesatura container verrà offerto a tariffe vantaggiose, e garantito con un canale preferenziale.

Per le altre aziende del territorio o gli operatori che ne faranno richiesta, il servizio di pesatura verrà offerto dietro specifica richiesta e programmato.

I nostri uffici rimangono cheap replica breguet uk a completa disposizione per offrire adeguato supporto sulla base delle specifiche esigenze.

CONTATTACI PER PROMOZIONE “EXPORT LIGHT” comprensiva di pesatura e operazione doganale Export con un solo STOP  

Referente normativa SOLAS: SILVIA TREVISAN – commerciale@magazziniviscontei.it

 

 

AGGIORNAMENTO TRANSITO DOGANALE RINVIATO AL 14-12-2015 26 novembre 2015

 

AGGIORNAMENTO TRANSITO DOGANALE RINVIATO AL 14-12-2015

L'Agenzia delle Dogane comunica che l'aggiornamento delle procedura telematica hublot replica for men del transito doganale diventerà operativo dal 14 dicembre 2015, invece che dalla data prevista del 24 novembre 2015

MAGAZZINI GENERALI VISCONTEI DI VIGEVANO S.P.A. in qualità di Destinatario Autorizzato si è già attivato ed è già operativo con il nuovo SW


Il rinvio era stato chiesto da diverse associazioni del trasporto, tra cui Confetra, per consentire agli operatori che muovono ingenti flussi di merci di completare la messa a punto degli applicativi migliorare i processi telematici, come precisa la stessa confederazione. Quindi, dopo due anni di sperimentazione dei nuovi processi – con una particolare attenzione allo scambio telematico delle informazioni tra l'Ufficio doganale di destinazione del transito e il destinatario autorizzato – la procedura telematica diventerà pienamente operativa, anche se con un ritardo fake A. Lange Söhne uk di qualche giorno.

"L'aggiornamento delle procedure telematiche rappresenta un passo avanti nell'ottica di efficientamento della fase doganale", spiega Confetra in una nota. "Alcuni Uffici territoriali delle dogane, peraltro, hanno interpretato in maniera distorta le nuove disposizioni operative, in particolare per quanto riguarda il controllo a carico del destinatario autorizzato. Il tempo concesso fino al 14 dicembre per l'avvio del nuovo sistema dovrebbe consentire di arrivare ad una soluzione di quella problematica".

Estratto da http://www.trasportoeuropa.it/index.php/logistica/archivio-logistica/13787-aggiornamento-transito-doganale-rinviato-a-dicembre

 

 

La LOGISTICA ITALIANA: la Lombardia ne è il traino 02 novembre 2015

 

La LOGISTICA ITALIANA: la Lombardia ne è il traino

---- Le rilevazioni della Camera di Commercio di Milano confermano che la Lombardia resta al vertice delle Regioni italiane per le attività logistiche.

MAGAZZINI GENERALI VISCONTEI di VIGEVANO S.P.A. si colloca in questa realtà permettendo la terziarizzazione dell’attività logistica e la gestione trasporti in uno snodo strategico anche per le pratiche di sdoganamento, consentendo che le operazioni doganali avvengano in modalità snella e controllata nei propri Magazzini di Vigevano, (T1), piuttosto che nei Porti/Aeroporti troppo congestionati

CONTATTACI per una valutazione senza impegno!

Un'impresa su sei che svolge attività connesse al trasporto e alla logistica ha sede in Lombardia. Lo afferma la Camera di Commercio di Milano, sulla base dei dati del Registro delle Imprese del terzo trimestre 2015. In particolare, in Lombardia operano 28.460 imprese, che occupano 260mila addetti. E metà di queste aziende, 13.573, ha sede nella provincia di Milano. Un altro dato interessante è che in Lombardia hanno sede 93 imprese attive nel trasporto marittimo, sulle 2100 italiane. Una percentuale pari al cinque percento, decisamente elevata per una Regione che non è bagnata dal mare. Il dato si spiega con la distanza relativamente breve con il porto di Genova, che è il principale gateway container dell'Italia. Il rapporto tra le due città emerge chiaramente da un'altra ricerca, realizzata da EconPartners, secondo cui dal 2009 al 2014 il traffico merci tra Milano e Genova è aumentato mediamente del sei percento l'anno, superando del 12,5% il valore del 2007 fake richard mille watches uk, anno record prima della crisi.    

estratto da http://www.trasportoeuropa.it/index.php/logistica/archivio-logistica/13636-lombardia-traina-la-logistica-italiana

 

 

DA GIUGNO: NUOVE REGOLE TRASPORTO MERCI PERICOLOSE20 giugno 2014

 

Le nuove disposizioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che aggiornano le procedure per il rilascio dell’autorizzazione all’imbarco ed al trasporto marittimo e per il nulla osta allo sbarco e al reimbarco su altre navi (transhipment) delle merci pericolose entreranno in vigore il 6 giugno, ovvero il 30° giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 104/2014, avvenuta lo scorso 7 maggio 2014.

Nuove regole

Nel decreto vengono fornite precisazioni in merito a: cheap U-Boat fake watches uk

  • le merci pericolose ammesse al trasporto per via marittima, (art. 3). 
  • la documentazione di cui devono essere in possesso le navi che trasportano tali merci (art 4);
  • la modulistica da presentare all’Autorità Marittima al fine della relativa richiesta di autorizzazione per l’imbarco/sbarco (art. 6);
  • la disciplina ad hoc per il transhipment (art. 8), (art. 9)
  • la documentazione integrativa necessaria in caso di trasporto di materie radioattive, esplosivi e rifiuti pericolosi (art. 7), 
  • misure di sicurezza per merci pericolose imbarcate su veicoli stradali, descritte al punto 5.1
  • autorizzazione all’imbarco e nulla osta allo sbarco

SCARICA IL DECRETO:

http://www.confindustria.it/wps/wcm/connect/www.confindustria.it5266/f8cfe67a-e020-47f9-a87d-eda99148c845/Decreto+MIT+7+aprile+2014.pdf?MOD=AJPERES&CONVERT_TO=url&CACHEID=f8cfe67a-e020-47f9-a87d-eda99148c845

 

 

 

TRASMISSIONE INTRASTAT 25/11/201302 dicembre 2013

 

TRASMISSIONE DICHIARAZIONI INTRASTAT

A causa di problemi tecnici verificatesi in data 25/11/2013, si comunica che gli adempimenti relativi alla trasmissione degli elenchi INTRASTAT in scadenza il 25 Novembre 2013, si intenderanno regolarmente eseguiti anche se effettuati entro il 26 Novembre 2013.

swiss fake tudor for sale

 

 

ADESIONE TURCHIA TRANSITO COMUNE12 novembre 2012

 

: Adesione della Turchia alle convenzioni UE-EFTA “Transito comune” e “Semplificazioni delle formalità negli scambi di merci” del 20/05/1987. Si rende noto che nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 297, del 26 Ottobre 2012, è stata fake longines watches for sale pubblicata la Decisione n° 4/2012 del Comitato Congiunto UE-EFTA sul Transito Comune, del 26 giugno 2012, che modifica la convenzione del 20 maggio 1987 relativa a un regime comune di transito. Tale modifica, si è resa necessaria a seguito dell’adesione da parte della Turchia alla suddetta convenzione, a decorrere dal 1° Dicembre 2012. Al fine di consentire l’utilizzo dei formulari relativi alla garanzia stampati secondo i criteri in vigore prima della suddetta data di adesione si fa presente che i medesimi possono continuare ad essere utilizzati con gli opportuni adattamenti geografici e di elezione di domicilio o di indirizzo del mandatario fino alla data limite del 31 Dicembre 2013. Infine, i Servizi della Commissione hanno fatto presente che la Turchia ha parimenti depositato presso il segretariato generale del Consiglio fake ulysse nardin uk for men dell’Unione europea lo strumento di adesione alla convenzione relativa alla semplificazioni delle formalità negli scambi di merci divenendo, quindi, Parte contraente alla medesima a decorrere dal 1° Dicembre 2012.

 

 

 

NOVITA' SCHEDE ACQUISTO CARBURANTI05 novembre 2012

 

CIRCOLARE N. 42 /E OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati da parte di soggetti Iva – Le novità introdotte dal decreto legge 13 maggio 2011, n. 70 (cd “decreto sviluppo”) Premessa La documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati da parte di soggetti IVA nell’esercizio d’impresa, arte o professione è soggetta ad una specifica disciplina, derogatoria delle ordinarie regole previste dal D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 in materia di certificazione delle operazioni. In particolare, con l’articolo 2 della legge 21 febbraio 1977, n. 31, è stato disposto che “con decreti del Ministro delle Finanze saranno stabilite norme dirette a disciplinare la documentazione relativa agli acquisti di carburanti per 2 autotrazione, effettuati presso gli impianti stradali di distribuzione da parte di soggetti all'I.V.A. Tale documentazione sostitutiva della fattura di cui all'art. 22 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, potrà essere stabilita nella forma di scheda, registro, bollettario od altro e dovrà contenere tutti gli elementi atti ad identificare l'operazione. Con gli stessi decreti saranno stabilite le modalità per la compilazione, la tenuta e la conservazione della suddetta documentazione”. La disciplina attuativa della c.d. “scheda carburante” è stata prevista con il D.M. 7 giugno 1977; successivamente il D.P.R. 10 novembre 1997, n. 444 (attuativo della delega contenuta nell’art. 3, comma 137, lett. d), della legge 23 dicembre 1996, n. 662) ha dettato specifiche norme regolamentari che hanno modificato le regole di redazione della scheda predetta, anche al fine di semplificare il relativo adempimento. L’istituzione e la tenuta della scheda carburante rileva sia ai fini IVA - in quanto dalla sua regolare tenuta discende l’esercizio del diritto alla detrazione dell'imposta sul valore aggiunto - sia ai fini della deduzione del costo di acquisto in relazione all’imposizione diretta. Tale previsione si collega al divieto per i gestori di impianti stradali di distribuzione di carburanti per autotrazione, contenuto nella medesima disposizione, di emettere fattura per la cessione di tali prodotti, salvo che per le cessioni effettuate nei confronti dello Stato, di taluni enti e degli autotrasportatori di cose per conto terzi. L’articolo 7, comma 2, lettera p), del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (c.d. Decreto sviluppo) - convertito con legge del 12 luglio 2011, n. 106 - ha aggiunto il comma 3-bis all’articolo 1 del richiamato D.P.R. n. 444 del 1997, prevedendo che “In deroga a quanto stabilito al comma 1, i soggetti all'imposta sul valore aggiunto che effettuano gli acquisti di carburante esclusivamente mediante carte di credito, carte di debito o carte prepagate emesse da operatori finanziari soggetti all’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 7, sesto comma, del decreto del Presidente 3 della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, non sono soggetti all’obbligo di tenuta della scheda carburante previsto dal presente regolamento”. In via preliminare occorre precisare che le disposizioni introdotte dal Decreto sviluppo non interessano il sistema delle “carte fedeltà” associate al contratto di “netting”, in forza del quale il gestore dell’impianto di distribuzione si obbliga verso la società petrolifera ad effettuare cessioni periodiche o continuative in favore dell'utente il quale utilizza, per il pagamento, un sistema di tessere magnetiche rilasciate direttamente dalla società petrolifera. Come già chiarito con la circolare n. 205 del 12 agosto 1998, infatti, il rapporto che si instaura per effetto del richiamato contratto di “netting”, è riconducibile alla somministrazione di beni di cui all'articolo 1559 del Codice civile, “contratto con il quale una parte si obbliga, verso corrispettivo di un prezzo, a eseguire, a favore dell'altra, prestazioni periodiche o continuative di cose”. Non è, pertanto, assimilabile alle cessioni di beni disciplinate dalle disposizioni del citato D.P.R. n. 444 del 1997, che delimitano l’ambito applicativo della disciplina concernente la scheda carburante e delle nuove disposizioni introdotte dal decreto sviluppo. Con il presente documento di prassi vengono forniti i chiarimenti in merito agli effetti delle disposizioni normative introdotte dal Decreto sviluppo relative alla soppressione della scheda carburante per i soggetti che effettuano l’acquisto mediante carte di credito, carte di debito o carte prepagate emesse da operatori finanziari soggetti all’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 7, sesto comma, del D.P.R. n. 605 del 1973. 1. Ambito oggettivo e soggettivo di applicazione della nuova disciplina. 4 Le modifiche normative introdotte dal decreto sviluppo in materia di scheda carburante rappresentano un sistema documentale alternativo rispetto alla disciplina prevista dal D.P.R. n. 444 del 1997 che, dunque, continua ad operare per quanti, non intendendo provvedere all’acquisto di carburante mediante strumenti di pagamento elettronico, vogliano comunque procedere alla detrazione dell’IVA assolta sugli acquisti e alla deduzione del costo di acquisto ai fini delle imposte sui redditi. La norma esonera dall’obbligo della scheda carburante solo coloro che effettuano gli acquisti di carburante esclusivamente mediante carte di credito, carte di debito o carte prepagate. Ne consegue che i soggetti che effettuano i pagamenti anche mediante mezzi diversi (es. contanti) sono tenuti all’adozione della scheda carburante per tutti gli acquisti di carburante effettuati nel periodo d’imposta. I due sistemi di certificazione risultano tra loro alternativi: anche alla luce delle finalità di semplificazione che il legislatore ha inteso perseguire, deve ritenersi che la scelta dell’uno o dell’altro sistema di documentazione possa essere riferita al soggetto d’imposta - esercente attività imprenditoriale, artistica o professionale - in modo unitario. In altri termini, la modalità di men's fake Jacob Co. watches for sale documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione riferite ad un medesimo soggetto d’imposta deve essere unica, essendo a tale fine irrilevante l’eventuale presenza di più veicoli utilizzati nello svolgimento dell’attività. Non è necessario che la carta elettronica sia utilizzata esclusivamente per l’acquisto di carburante, potendo il medesimo mezzo di pagamento essere utilizzato anche per effettuare altri acquisti. Naturalmente, se contestualmente all’acquisto di carburante vengono effettuati anche acquisti di beni/servizi di diverso genere, è necessario che l’acquisto 5 di carburante avvenga mediante una transazione distinta, al fine di consentirne la separata individuazione. Inoltre, considerato che le persone fisiche esercenti arti e professioni e gli imprenditori individuali non sono obbligati, in via generale, alla tenuta di conti correnti bancari o postali “dedicati” all’attività svolta, la carta utilizzata per l’acquisto di carburante non è necessario che sia utilizzata esclusivamente per gli acquisti relativi all’attività d’impresa o artistica o professionale. L’articolo 1, comma 3-bis, del D.P.R. n. 444 del 1997 dispone, infine, che le carte di credito, le carte di debito e le carte prepagate devono essere emesse da operatori finanziari soggetti all’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605. Si tratta, in particolare, delle banche, della società Poste italiane Spa, degli intermediari finanziari, delle imprese di investimento, degli organismi di investimento collettivo del risparmio, delle società di gestione del risparmio, nonché di ogni altro operatore finanziario, tenuti a “rilevare e a tenere in evidenza i dati identificativi, compreso il codice fiscale, di ogni soggetto che intrattenga con loro qualsiasi rapporto o effettui, per conto proprio ovvero per conto o a nome di terzi, qualsiasi operazione di natura finanziaria ad esclusione di quelle effettuate tramite bollettino di conto corrente postale per un importo unitario inferiore a 1.500 euro”. Tali soggetti sono, inoltre, tenuti a comunicare all’anagrafe tributaria l’esistenza dei rapporti e di qualsiasi operazione, compiuta al di fuori di un rapporto continuativo, nonché la natura degli stessi, e tali comunicazioni sono archiviate in apposita sezione, “con l’indicazione dei dati anagrafici dei titolari e dei soggetti che intrattengono con gli operatori finanziari qualsiasi rapporto o effettuano operazioni al di fuori di un rapporto continuativo per conto proprio ovvero per conto o a nome di terzi, compreso il codice fiscale”. 6 Il richiamato obbligo di comunicazione, per espressa previsione dell’articolo 7, comma 6, non opera con riferimento ai soggetti non residenti nel territorio dello Stato, cui la normativa nazionale non risulta applicabile. Da ciò discende che, stante l’espresso richiamo operato dall’articolo 1, comma 3-bis, all’obbligo di comunicazione previsto dal D.P.R. n. 605 del 1972, le carte di credito, le carte di debito e le carte prepagate devono essere emesse da soggetti residenti nel territorio dello Stato ovvero dotati di una stabile organizzazione in Italia. 2. Documentazione delle operazioni Le modifiche apportate dal decreto legge n. 70 del 2011, adottate in un’ottica di semplificazione degli adempimenti a carico dei contribuenti, non possono far venire meno, in toto, l’esigenza di disporre di una serie di elementi, necessari a consentire la verifica dell’esistenza del diritto alla detrazione IVA e della deducibilità del costo nella misura spettante, in capo al soggetto acquirente. Detti elementi, in particolare, sono indispensabili per ricollegare l’acquisto effettuato al soggetto, persona fisica o giuridica, che esercita un’attività d’impresa o un’arte o una professione. Si ritiene, pertanto, necessario che il mezzo di pagamento sia intestato al soggetto che esercita l’attività economica, l’arte o la professione e che dall’estratto conto rilasciato dall’emittente della carta emergano tutti gli elementi necessari per l’individuazione dell’acquisto, quali, ad esempio, la data ed il soggetto presso il quale è effettuato il rifornimento, nonché l’ammontare del relativo corrispettivo. Le richiamate indicazioni si riferiscono, evidentemente, ad un contenuto “minimo” che deve risultare dalla documentazione dell’acquisto di carburante per consentire sia la detrazione ai fini IVA sia la deduzione del relativo costo. Va da sé che la documentazione dalla quale risultino ulteriori dettagli che valgano ad associare ogni singola transazione ad uno specifico veicolo, consentirebbe un più 7 agevole esercizio del potere di controllo. Ad esempio, gli strumenti di pagamento dedicati alle aziende emessi da diversi operatori del settore - dai quali emerge la rendicontazione distinta per ciascun autoveicolo utilizzato dal dipendente anche ai fini del controllo interno di gestione - possono considerarsi idonei a garantire tale più ampia e dettagliata certificazione degli acquisti di carburante per autotrazione.

 

 

DIMINUZIONE CONTRIBUTO CONSORTILE ANNO 201228 ottobre 2012

 

OGGETTO: Diminuzione del Contributo Consortile per l’anno 2012. Si comunica che il Consiglio di Amministrazione del Consorzio tenutosi in data 25.10.2012, ha deliberato di diminuire il contributo da corrispondere al Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, sugli oli lubrificanti immessi in consumo, per l’anno 2012 da 70,00 €/t a: 50,00 Euro per tonnellata a partire dal 1° novembre 2012 Si precisa che i Bell Ross Replica For Men versamenti dovranno essere effettuati a favore del CONSORZIO OBBLIGATORIO DEGLI OLI USATI

 

 

REGISTRATI AL NOSTRO SITO21 settembre 2012

 

GENTILE CLIENTE EFFETTUANDO LA REGISTRAZIONE AL NOSTRO SITO , SENZA COSTI ED air max uk IN POCHI MINUTI OTTERRAI UNA SERIE DI SERVIZI E VANTAGGI RISERVATI CHE POTRAI BENEFICIARE DA SUBITO. NON ASPETTARE OLTRE!!!! REGISTRATI ADESSO E' SEMPLICE VELOCE E TOTALMENTE GRATUITO

 

 

AUMENTO ALIQUOTA ACCISE14 settembre 2012

 

Alleghiamo Determinazione n° 88789 del 9 agosto 2012 - Aumento aliquote di accisa sulle benzine e sul gasolio usato come carburante in attuazione del disposto dell’art.33, comma 30, della legge 12.11.2011, n.183

cheap nike online uk

 

 

NOVITA' AEO TRA UNIONE EUROPEA E STATI UNITI11 settembre 2012

 

 L’Unione Europea (UE) e gli Stati Uniti d’America (USA), con una decisione del Comitato Misto di Cooperazione Doganale (CMCD) UE/USA, hanno siglato un accordo per il mutuo riconoscimento dei rispettivi programmi "Authorized Economic Operator" (AEO) e "Customs-Trade Partnership Against Terrorism (C-TPAT)" secondo la decisione del Comitato Misto di Cooperazione Doganale, l’UE e gli USA terranno in debita favorevole considerazione nella propria valutazione del rischio, ai fini dell’effettuazione dei controlli, lo status dei rispettivi operatori economici certificati. Il trattamento favorevole fornito dal mutuo riconoscimento si tradurrà in una riduzione dei costi, procedure semplificate e maggiore praticabilità delle attività commerciali transoceaniche. swiss replica watches

Tutti gli operatori economici che hanno un certificato con la componente sicurezza (AEOS o AEOF) e che hanno fornito il proprio consenso per lo scambio delle informazioni con i Paesi terzi allo scopo del mutuo riconoscimento e desiderano usufruire delle agevolazioni previste dalla decisione di Mutuo Riconoscimento del CMCD UE/USA dovranno registrarsi tramite la predetta applicazione web fornendo i dati richiesti.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare la vostra Autorità doganale. replica watches uk

 

 

AGOSTO APERTI24 luglio 2012

 

I nostri Uffici sono sempre aperti per SERVIZI IMPORT/EXPORT - INTRASTAT
replica watches en
replica watches live

 

 

IL NUOVO SITO è ONLINE!04 luglio 2012

 

A breve avrai la possibilità di registrati per accedere a servizi riservati
cheap replica watches
quality replica watches

 

 

CERTIFICAZIONI:

METEO:

Vigevano
+29°C

CONVERSIONE VALUTE: